Venezia: master di 2 livello

TOUCH FAIR ARCHITECTURE & EXHIBIT SPACE allo IUAV

Inizio lezioni: 27 ottobre 2017 di cui:

6 mesi ottobre-aprile: lezioni in aula tutti i venerdì e sabato

3 mesi stage in azienda, fiera o studio professionale

3 mesi Tesi finale laboratorio online

Sede: Università IUAV di Venezia, Palazzo Badoer

 

3 MOTIVI PER ISCRIVERSI : 1Per la qualità dell’offerta formativa: 11 corsi interni al master coincidono con 11 settori specifici necessari alla completa progettazione di allestimenti museali, fieristici e della progettazione del temporary space, shops : una vera e propria nuova architettura insegnata con una metodologia che unisce scientificità e creatività. In aula si incontreranno aziende, studiosi, innovatori.

Ultima news: COSTRUZIONE PIANO-PIANO PAVILION A PIANO CITY MILANO 19-21 MAGGIO 2017. Uno studente del master ha vinto il concorso interno al master: il premio è stato la costruzione del suo progetto per un padiglione per pianoforte alla Rotonda della Besana di Milano. Opportunità e criterio didattico unico in Italia.

2Per la qualità del corpo docente: 23 professori e molti esperti confermati ad altissimo livello internazionale vi seguiranno ad personam continuativamente nelle lezioni, incontri, stage, web relations. Farete parte di una nuova community “ibrida” poiché composta da studenti, professori, esperti, direttori di prestigiose aziende e associazioni.

3 Per l’ alto placement lavorativo: con il master si ottiene una specializzazione come: Architectural fair designer, Architectural exhibit designer, Architectural fair manager, Architectural exhibit director. Tali specializzazioni sono sempre più richieste nelle fiere, nelle società che si occupano di allestimenti ,spazi museali, temporary shops. Gli studenti del master sono stati finora assunti da: ARUP Italia_Milano, Viabizzuno, Colorcom Italia, Giplanet ,Museo della Scienza di Napoli, Coop Himmemblau Wien, Labics Roma, Fiera Vicenza, Fiera Verona, Fiera di Bologna.

SCHEDA INFORMATIVA PER ISCRIZIONE

Durata: annuale - Inizio lezioni: 27 ottobre 2017 di cui:

6 mesi ottobre-aprile: lezioni in aula tutti i venerdì e sabato

3 mesi stage in azienda, fiera o studio professionale

3 mesi Tesi finale laboratorio online

Sede: Università IUAV di Venezia, Palazzo Badoer

Modalità e iscrizioni: laureati in

Laurea specialistica o magistrale in Architettura, Design e Ingegneria;

Laurea quinquennale in Architettura, Design e Ingegneria;

Laurea Architettura, Design e Ingegneria conseguita all’estero che il collegio dei docenti ritenga equivalente a uno dei suddetti titoli di  studio, ai soli fini di ammissione alle singole attività formative del master.

Quota di partecipazione:6.000,00 euro (Quota dilazionabile in due trance vedi link: http://www.iuav.it/Didattica1/master/ISCRIVERSI/index.htm

Quota di preiscrizione: 50 euro (da maggio 2017)

Attestazione rilasciata: alla fine del Master verrà rilasciato il titolo di Master Universitario di II livello dell’Università Iuav di Venezia

Crediti Formativi Professionali rilasciati: 12 (architetti)

Contatti: Prof. Raffaella Laezza Responsabile scientifico del master e docente di Architectural design Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per iscrizione: Ufficio master IUAV Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sito master: www.touchfairarchitecture.com

Facebook: Touch Fair Architecture & Exhibit Space Università IUAV di Venezia

Instagram :Touchfairarchitecture

 

Raffaella Laezza

ALFABETO DEL MASTER TOUCH FAIR ARCHITECTURE & EXHIBIT SPACE

a.a. 2016-17 Università IUAV di Venezia

C COSTRUZIONE - C come: Costruzione - Computational Morphology

Il percorso didattico del master chiarisce attraverso le sue undici discipline che l’architettura allestitiva e dei padiglioni sta entro il territorio della progettazione architettonica. E’ dunque ben chiaro che non si tratta di design o di interior design ma di architectural design o architectural fair design. Questa chiarezza di impostazione pone la differenza tra due tipi di costruzione: la costruzione con una relazione limpidissima tra i principi geometrici, costruttivi, materici, comunicativi, posti in virtuosa relazione, laddove uno si collega all’altro e la costruzione dove questi si confondono e creano un groviglio dagli esiti deboli. Deboli poiché se di sperimentazione si parla è necessario che essa si radichi sulla conoscenza precisa dei suddetti principi dell’architettura. Confondere le due modalità di metodo significa snaturare la possibilità di una sperimentazione che rinomini la tradizione. Vale quindi il dualismo parte costruens _ lo studio tramite disegni, plastici, consapevolezza della filiazione storica_e la parte destruens quando si confonde lo studio con la sperimentazione formale fine a sé stessa. Strumentale, nel percorso del master, è il corso di Computational Morphology che chiarisce come il disegno computazionale non sia rappresentazione in bella copia ma step progettuale, analitico e fonte di approfondimento continuo della costruzione. Il master ha recentemente offerto a una masterista la possibilità di costruire un padiglione per pianoforte per Piano City Milano: è stato un primo passo verso la comprensione tattile dell’architettura, della contezza della sua scala e misura e della responsabilità della costruzione nel contesto sociale.